Abbazia di Pesaca

Fondata nel 970 d.C. da Monaci Basiliani, secondo alcune fonti in seguito al ritrovamento ritenuto miracoloso, da parte degli abitanti della vicina Taverna, di un’icona della Vergine con in braccio un Bambino. L’Abbazia vide la luce nel 998 d.C. e fu subito oggetto di abbondanti elemosine e donazioni da parte del protospata Gregorio Tramatura che le concesse la proprietA? di cinque grandi campi.
Su questi terreni fu edificato nel 1100 l’ospizio di S. Basilio con lo scopo di difendere dai rigori del clima i monaci piA? anziani di Pesaca. Attorno all’ospizio si sviluppA? l’abitato di Sorbo San Basile.
Dal 1221 al 1328 l’Abbazia rappresentA? un luogo di rilevante e crescente importanza nel territorio presilano, tant’A? che a guardia dei suoi vasti possedimenti fu edificata tra il 1428 ed il 1431, sulla passo della Sila, la Torracene.
Ancora oggi il campanile che si erge verso il cielo simboleggia l’importanza della Calabria monastica.
Proseguendo lungo la vecchia strada dei monaci si giunge alla Cascata del Litrello, ove si trovano delle caratteristiche pozze d’acqua contenute tra enormi massi. Proseguendo oltre si raggiunge la chiesetta della Madonna della Santa Spina e il Torrazzo, la vecchia “Torre del Baiolardo” dove un tempo si pagava il dazio.

Commenti