Fiume Soleo

Le sorgenti del fiume Soleo sono costituite da grandi acquitrini e polle situate appena a destra dei pianori del Gariglione.
Il congiungersi di questi rivoli d’acqua genera, in poche centinaia di metri, uno spumeggiante ruscello. A breve distanza lo stesso attraversa una zona rocciosa formando numerose pozze di eccezionale trasparenza.
Poco a valle il fiume serpeggia, con ai lati dolci declivi boscosi, fino ad arrivare ad una improvvisa strettoia, caratterizzata da una cascata e da un’ampia pozza rocciosa. Qui inizia la cosiddetta “Manca del Diavolo”.
Il fiume scorre ripido e spumeggiante incassato fra le pareti della montagna che vanno a formare delle vere e proprie gole che, ammantate da una fitta vegetazione, colpiscono il visitatore.
E’ un mondo di acque gelide e cristalline, cascatelle alternate a pozze d’acqua immobile, appena increspate dai rapidi guizzi delle trote. Raramente il sole riesce a penetrare la fitta boscaglia e gli incombenti fianchi dei monti e, quando ci riesce, non A? che per brevissimi tratti. Una sinfonia di tutti i rumori e gli scrosci dell’acqua, un tuffo in una natura selvaggia ed inviolata.
Con una minima propensione al torrentismo si riesce in un paio di ore a penetrare questa gola e godere dei grandi prati soleggiati che ne segnano la fine.

Commenti